Corpo politico

Corpo politico

Corpo, Dike, comunicazione fra Agamennone e Pericle

18,00 €  15,30 €
15% sconto

Autrice: Cristiana Caserta
Collana: Storica

Babilonia era dotata di quattrocentottanta stadi di fortificazioni, di un fossato largo e profondo, di un muro alto cinquanta cubiti e largo duecento, di cento porte di bronzo e viveri accumulati da molti anni. Tutto questo non servì però a salvarla dalla conquista persiana.
Secondo Erodoto la più bella e la più grande delle città assire scontò una tragica difficoltà di comunicazione. L’impressione suscitata nei Greci dalle dimensioni della città, che contribuì a creare lo stereotipo della “città orientale”, è in questo caso collegata all’impossibilità di trasmettere le informazioni. Anche Aristotele affermava che polis e territorio dovevano essere «abbracciabili con un solo sguardo», perché eccedendo questa misura nessun araldo avrebbe potuto farsi sentire da tutti.
Occorre allora porsi il quesito se la polis fosse una comunità diversa anche in virtù del proprio tipo di comunicazione, e se essere cittadino significasse possedere una competenza comunicativa specifica. La risposta a questa domanda viene fornita attraverso una rilettura del mito di Prometeo, della commedia Uccelli di Aristofane e della figura di Pericle. Attraverso lo scarto tra uomo prometeico e cittadino, tra dimensione originaria dell’uomo e sua integrazione politica, si scopre così il punto di vista sulla techne e sulla cittadinanza degli uomini del V secolo.



Autrice
Cristiana Caserta è dottore di ricerca in storia della Sicilia antica. Si è occupata delle fonti della fondazione greca di Agrigento, di insularità, di emarginazione ed emigrazione nel mondo antico, del lessico della pace e della concordia, mettendo a fuoco il rapporto fra identità e memoria nella storiografia antica in Tucidide e in Diodoro. I suoi interessi si indirizzano anche verso il rapporto fra regole e pratiche nelle diverse comunità linguistiche, in relazione al mutamento politico e sociale. Tra i suoi contributi più significativi: Gli Emmenidi e le tradizioni poetiche e storiografiche su Agrigento fino alla battaglia di Imera, Palermo 1999; La voce muta. Memoria collettiva, scrittura, identità nell’Atene del V secolo. Tucidide e la guerra del Peloponneso, Palermo 2004.


Scarica il pdf del libro (1,6 Mb)*

* La licenza Creative commons applicata ai volumi di LLR è la Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 3.0 Unported (vedi qui). I diritti rimangono all'autore nelle forme individuate dal contratto di edizione. La fruizione è libera e gratuita, il testo non può essere modificato per ricavarne versioni diverse e non può essere usato per scopi commerciali.


Puoi ordinare questo
libro anche su IBS



Da inserire:


Data di inserimento in catalogo: 13.10.2009.

I libri di Emil. Via Benedetto Marcello 7, 40141 Bologna, Italy
Tel/Fax +39.051474494 - info@ilibridiemil.it - P. iva 02774391201
Copyright © 2018 Odoya. Powered by Zen Cart - Designed by InArteWeb